logotype

L'Italia la vedo male

"Ho avuto i momenti più belli che si possano vivere in una vita, ed i momenti più terribili, soprattutto negli anni del fascismo e delle leggi razziali contro gli ebrei: un fascismo che il popolo italiano, bellissimo, non ha mai seguito. E infatti io, che avevo origini ebree, sono ancora qui, grazie alla gente. Ma questa Italia di oggi la vedo male, come non mai"

"L'uomo è un mammifero e con la sua intelligenza ha conquistato il mondo, ma ora sta precipitando verso la bestialità. Forse la ragione è solo questa: in fondo, siamo sempre animali. Non sono tanto gli ombelichi a vista e gli uomini con gli orecchini, a sbalordirmi. E' piuttosto il fatto che l'uomo sta perdendo la poesia e la cultura. Senza poesia e senza cultura non c'è bellezza, nè felicità. E a noi non resta che la bestialità, che ci accomuna agli altri animali. Se gli uomini non saranno in grado di riappropiarsi della cultura, si chiuderanno in un mondo di tristezza e inciviltà"

Arnoldo Foà, l'Unità, 24 luglio 2008 - intervista di Alessandro Ticozzi per Le Reti di Dedalus

2017  Arnoldo Foà - Sito Ufficiale   - realizzato da: Dario Domenici - Progetto: ItalyMedia.it