logotype

Confessione di una sconfitta

L'ATTORE, 95 ANNI, QUATTRO MOGLI, IL CONFLITTO CON LA MADRE

Arnoldo Foà, confessione di una sconfitta

«Da padre ho capito di essere debole e me ne vergogno. Ho una tendenza all'amore. La politica? Per imbecilli»

 Il sorriso conserva l'innocenza disarmante di un bambino. E la voce è sempre quella, sembra uscire da una caverna preistorica. «La mia voce? - dice - Non me ne frega niente. Eppure ha avuto il suo successo. Non l'ho scoperta io, l'hanno scoperta gli altri. In casa, nessuno ha mai detto di ammirare la mia voce. Non mi ricordo. Mia moglie sì...». Seduto alla sua scrivania, la pipa accesa tra le dita di una mano, il manico del bastone nell'altra, Arnoldo Foà sfoglia la sua Autobiografia di un artista burbero (Sellerio). «Perché burbero? Sono buono come il pane. Burbero è uno che anche quando dovrebbe comportarsi dolcemente si comporta con cattiveria. Sono burbero?». Anna lo guarda con dolcezza. 

Leggi tutto: Confessione di una sconfitta

L'Italia la vedo male

"Ho avuto i momenti più belli che si possano vivere in una vita, ed i momenti più terribili, soprattutto negli anni del fascismo e delle leggi razziali contro gli ebrei: un fascismo che il popolo italiano, bellissimo, non ha mai seguito. E infatti io, che avevo origini ebree, sono ancora qui, grazie alla gente. Ma questa Italia di oggi la vedo male, come non mai"

Leggi tutto: L'Italia la vedo male

Foà compie 95 anni, Auguri Maestro!

Una vita nel grande teatro, una fama da burbero. "Ma io in fondo voglio bene a tutti", dice lui. il ricordo delle persecuzioni razziali del fascismo e l'amore per la moglie Anna.

«Bonjour, monsieur. Oggi parlo in francese». Un'intervista con Arnoldo Foà è, come la sua vita, un'avventura: bisogna sempre essere pronti a non cadere nelle imboscate di questo gagliardo che, a 95 anni appena compiuti (giovedì 27 gennaio la Casa del cinema gli rende omaggio con la proiezione del film Almeno io Fo..à), tra un recital e l'altro in scena, si diverte a interpretare la parte del vecchietto terribile nella vita. 

Leggi tutto: Foà compie 95 anni, Auguri Maestro!

Politica importantissima per la cultura

Roma, 10 apr (Velino) - “La cultura è fondamentale per l’umanità e la politica ha il ruolo importantissimo di sostenerla, ma senza prevaricarne la libertà e l’indipendenza”. È ciò che dichiara Arnolfo Foà al “Giornale dello spettacolo” che lo ha intervistato, in vista dell’inizio della XVI legislatura, sul ruolo che la politica dovrebbe avere nei confronti della cultura. “La politica – aggiunge Foà – vede nella cultura solo uno strumento per avere visibilità e di questa politica non c’è bisogno. C’è invece l’esigenza del riconoscimento del valore delle diverse attività culturali nel nostro Paese, nella loro indipendenza”.

Foà: viaggio amarcord con il “vecchio leone”

Sfogo al vetriolo contro la tv: “Vergognoso! Stanno uccidendo la cultura e il teatro”

Così teatrale … eppur così vero. 85 primavere il prossimo gennaio; 65 anni di teatro festeggiati in questo 2000. Incontriamo Arnoldo Foà nella sua casa romana e ci addentriamo in un emozionante viaggio sul filo dei ricordi, dai travagliati inizi artistici, sospesi bruscamente con l’avvento delle leggi razziali a causa della sua origine ebraica, ai trionfi, ai suoi rapporti con le donne e l’amata città d’appartenenza: Ferrara.

Leggi tutto: Foà: viaggio amarcord con il “vecchio leone”

2017  Arnoldo Foà - Sito Ufficiale   - realizzato da: Dario Domenici - Progetto: ItalyMedia.it